Guatapè
Tra colori e suoni

Guatapè: la gita fuori porta del Paisa

Visita Guatapè

Partiamo dalla base, il Paisa è il cittadino di Medellin, o come ama farsi chiamare (la Bandeja Paisa è proprio il piatto tipico di Medellin). La Domenica, come a Roma si fa una gita ai Castelli, a Medellin si va a Guatapè.

Cittadina sulle rive di un lago artificiale formatosi dalla costruzione della Diga della centrale Idroelettrica Embalse Penol-Guatapè, è famosa per i suoi vivaci colori e per le attività acquatiche offerte (pedalò, sci nautico, gite in barca, motoscafo).

La cittadina è facilmente raggiungibile in 2 ore di Pullman da Medellin (stazione Metro Blu Caribe, compagnia Pullman Sotrasanvincente). Se può interessarvi, a testimonianza del gradimento che la città trova nei cuori dei cittadini di Medellin, Guatapè era il luogo di villeggiatura preferito da Pablo Escobar (sarete fermati ogni 5 minuti da brutti ceffi che vi offriranno un tour presso la sua villa, oggi trasformata in un famoso, quanto turistico, DiscoPub).

La città è piena zeppa di ristorantini, ma io ho adorato rimpinzarmi di Street Food nella sua piazza principale.

Piedra del Penol

Penol
Pronti alla scalata

Un’enorme pietra monolitica, luogo di culto per i nativi, oggi ardua salita di 725 scalini per i visitatori. Si raggiunge in 5 minuti con un Tuc Tuc da Guatapè. Armatevi di santa pazienza, poiché si creeranno code interminabili, che vi permetteranno però di rifiatare tra un piano e l’altro.

La vista vi ripagherà sicuramente della fatica che farete.

Pedra
Ma il panorama vale tutti gli scalini

Un giorno è più che sufficiente per visitare Guatapè e la sua Piedra. Non dedicateci più tempo e rientrate a godervi Medellin.

Se vuoi avere dei consigli dalla mia esperienza a Medellin, leggi il post “Medellin: una città in piena rinascita”

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *