La Polaroid di Maria Paola Ci Vediamo Quando Torno
Namibia 16/08/2017

La Polaroid di Maria Paola, Ci Vediamo Quando Torno

Duna 45, la perfezione della natura

La Polaroid di Maria Paola Ci Vediamo Quando Torno

“Il web è una fonte inesauribile di informazioni e le migliaia di foto che spopolano sui social network hanno spesso ispirato i miei viaggi facendomi sognare luoghi a cui prima di allora non avevo mai pensato. 

Le alte dune rosse del Deserto del Namib e gli scheletri dei tronchi di antiche acacie che popolano la secca piana della Deadvlei, hanno suscitato in me una curiosità quasi magnetica e non esagero nell’ affermare che in vita mia non ho mai visto un luogo più incredibile di questo. 

Il deserto del Namib è come la sua sabbia, si insinua ovunque e anche a distanza di tempo continui a percepirne la presenza (oltre a trovarne residui ovunque), impossibile da dimenticare.

Superato il cancello di ingresso del Parco bisogna avere un po’ di pazienza. Da subito le dune non si vedono, si trovano formazioni collinari rocciose che ricordano molto l’Arizona e la zona dei Parchi Americana. Ma poi Il paesaggio cambia in maniera repentina ed incredibile. Le montagne rossastre lasciano il posto a meravigliose dune dai colori che variano ai rossi agli arancioni, ocra, albicocca, oro…a seconda di come gira e batte la luce del sole.

La Duna 45 è proprio il soggetto della mia Polaroid.

Il nome di questa Duna è dovuto semplicemente al fatto che si trova esattamente a 45 km da Sesriem e non perché aveva una inclinazione di 45° come avevo erroneamente creduto io per mesi!

Ho salito il primo tratto con le scarpe ma era troppo faticoso, ho proseguito scalza ma la sabbia scottava. Ho rimesso le calze e ad ogni passo che muovevo in avanti ne facevo mezzo indietro, fino ad essere costretta ad avanzare a gattoni… 

Certo è che una volta in cima ci si sente padroni del mondo! Il silenzio rarefatto, rotto solo dal sibilo del vento, il calore emanato dalla sabbia che dai piedi si irradia in tutto il corpo, e non è solo calore, è energia,  energia pura, e la sentivo vibrare in ogni mia cellula.

Mi guardavo intorno e il paesaggio di fronte a me era da togliere il fiato: dune di sabbia dorata che si susseguono all’infinito, silhouette sinuose modellate dal vento. Adoro questo silenzio, questa atmosfera, quest’armonia.  

Mi sono sentita parte della perfezione della natura, ed è come se il tempo e il mondo, si fossero fermati e, se avessi potuto, non li avrei più fatti ripartire. Nemmeno io sarei più ripartita.” Cit Maria Paola

Grazie Maria Paola per il bellissimo contributo!! 

Come tu stessa racconti nella presentazione del tuo Blog, Ci Vediamo Quando Torno (che invito a visitare), spesso lo spunto per una meta di viaggio ci viene regalato proprio da un’immagine osservata distrattamente sul Web.

Chissà che osservando la tua Polaroid qualcuna non decida di prendere e partire per questo straordinario paese!

La Namibia per me è sempre stata una meta molto affascinante e l’emozione che ancora provi nel ricordarla, non può che alimentare il mio desiderio di visitarla.

In questa scatto la Duna 45 la fa sicuramente da padrona: maestosa, imponente e schiva… Schiva perché hai perfettamente reso l’idea sulla difficoltà di conquistarne la vetta.

Mi sono immaginato sotto i 40 gradi del deserto a guadagnare 20 cm ad ogni passo.

Una volta terminato di leggere il tuo racconto sono tornato a guardare la tua Polaroid.. ora tutto mi è più chiaro ed evidente!

Capisco perfettamente perché sei così affezionata a questo scatto, legato all’esperienza incredibile che deve essere stata la conquista di quella cima.

Ed una volta in vetta… il silenzio… l’armonia… la pace dei sensi… 

Una frase mi ha profondamente colpito è quando riesci a descrivere in modo concreto una tua emozione, rendendola immagine. Voglio riportarla fedelmente:

“Il deserto del Namib è come la sua sabbia, si insinua ovunque e anche a distanza di tempo continui a percepirne la presenza (oltre a trovarne residui ovunque), impossibile da dimenticare.”

Vedo ogni singolo granello, sento la sabbia quasi scorrere tra le mie dita.. sono lì con te… hai improvvisamente azzerato gli 11.000 Km di distanza che ci separano dalla Namibia..

Grazie

Partecipa

Se anche tu vuoi inviarmi la tua Polaroid,  ti invito a scrivere all’ indirizzo di posta elettronica: info@viaggiatoreseriale.it oppure a compilare il Form sottostante inviando – Un’unica immagine, corredata da: Una data Un luogo Una frase Il racconto che illustra il momento che si cela dietro lo scatto e l’importanza che ricopre per te. Sarà mia cura avvisarti non appena avrò pubblicato la tua Polaroid!

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 comments